Intervista a Zane Lowe

La cantante rivela a Zane che non avrebbe mai pensato di raggiungere i suoi sogni di gloria, racconta un aneddoto importante. "Avevo 12 anni, ero seduta nei posti dell'ultima fila per "Matilda", il musical a New York, ero infelice, non mi importa del musical, perché sono qui?" Mi ricordo di essermi innamorata di quello che stavo guardando, alla fine si inchinarono tutti e poi la piccola Matilde si alzò e tutti si alzarono in piedi tra la folla ed applaudirono, mi ricordo che una lacrima stava scendendo lungo la guancia, tutto ciò che ho sempre voluto è stare sul palco e avere persone che mi applaudiscano." Parla anche della sua vita attuale insieme al fratello e del suo futuro. "Non possiamo rimanere cosi per il resto delle nostre vite, ne stavamo parlando l'altro giorno, non posso avere questa vita esattamente uguale per sempre e nemmeno lui (riferito al fratello). Ha comprato una casa, ha una ragazza e vuole un cane, sai cosa intendo?" Tratta un tema molto delicato come la depressione. "Semplicemente non puoi capirlo e non puoi comportarti come se stessi capendo. Quando qualcuno che ami perde qualcuno molto vicino a lui, non puoi dire di capirlo, semplicemente non puoi. Si tratta semplicemente di ascoltare."